Galleria foto

test

Galleria foto

Accesso all'area riservata

  1. Prima registrazione

    Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Password
    Ripeti password
  2. Hai dimenticato la password?
    Scrivi qui sotto il tuo indirizzo e-mail e clicca su Invia.

NEWSLETTER :: Registrazione

  1. Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Ente/Azienda
    Telefono
  2. Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali, ANCD garantisce il rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati a carattere personale.

    I dati personali saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle attività di relazione con l'Utente registrato e non saranno ceduti a terzi.

    In ogni momento è possibile rinunciare a ricevere la Newsletter di ANCD o chiedere la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei dati personali, inviando una e-mail all'indirizzo ancd@ancd.it oppure cliccando sul link di rimozione automatica presente nelle singole comunicazioni.

05-07-2010 - Corte Costituzionale: dichiarate parzialmente illegittime le norme sulle vendite promozionali della regione Liguria

La Corte Costituzionale, con Sentenza n. 232 del 21 giugno 2010, ha dichiarato l’illegittimità parziale della legge regionale sul commercio della Regione Liguria (L. R. 1/2007) nella parte che dispone il divieto dell’effettuazione delle vendite promozionali nei quaranta giorni antecedenti le vendite di fine stagione non solo per i medesimi prodotti oggetto delle stesse promozioni, ma anche per le altre merceologie. La decisione prende spunto dalla sanzione pecuniaria comminata dal comune di Genova ad una catena della grande distribuzione che aveva effettuato una vendita promozionale che riguardava, oltre prodotti tessili per la casa, prodotti multimediali, articoli da cucina e pneumatici di ogni genere. Secondo la Corte il divieto regionale generalizzato di effettuare vendite promozionali, per qualsiasi tipologia di prodotti (stagionali e non) in periodo antecedente le vendite di fine stagione, si pone in aperto contrasto con la disciplina statale (L. 248/2006 art. 3 comma 1) che ha previsto la completa liberalizzazione delle vendite promozionali eccezion fatta per i prodotti oggetto delle vendite di fine stagione che non possono essere venduti in promozione nei quaranta giorni prima dell’effettuazione dei saldi. Il legislatore regionale, infatti, estendendo il divieto di vendite promozionali in periodo antecedente alle vendite di fine stagione o saldi, applicato alla generalità dei prodotti merceologici, ha invaso la sfera di competenza statale esclusiva in materia di tutela della concorrenza. La sentenza riveste una certa importanza perché da un lato ribadisce il campo di azione dello Stato in materia di tutela della concorrenza e dall’altro chiarisce che l’attribuzione delle misure a tutela della concorrenza alla competenza legislativa esclusiva dello Stato comporta sia l’inderogabilità delle disposizioni nelle quali si esprime, sia che queste legittimamente incidono, nei limiti della loro specificità e dei contenuti normativi che di esse sono proprie, sulla totalità degli ambiti materiali entro i quali si applicano.


Galleria video

Ballarò / Liberalizzazioni (1)

Galleria foto

X Rapp. Legislazione
Nunzio Bibbò
“Noi Credevamo”
Iniziativa ADM