Galleria foto

test

Galleria foto

Accesso all'area riservata

  1. Prima registrazione

    Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Password
    Ripeti password
  2. Hai dimenticato la password?
    Scrivi qui sotto il tuo indirizzo e-mail e clicca su Invia.

NEWSLETTER :: Registrazione

  1. Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Ente/Azienda
    Telefono
  2. Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali, ANCD garantisce il rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati a carattere personale.

    I dati personali saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle attività di relazione con l'Utente registrato e non saranno ceduti a terzi.

    In ogni momento è possibile rinunciare a ricevere la Newsletter di ANCD o chiedere la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei dati personali, inviando una e-mail all'indirizzo ancd@ancd.it oppure cliccando sul link di rimozione automatica presente nelle singole comunicazioni.

02-09-2010 - Distribuzione farmaci: segnalazione Antitrust sui vincoli per l'apertura di parafarmacie contenute nel DDL 2079 in discussione al Senato

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in una segnalazione che ha inviato al Governo e al Parlamento, giudica anticoncorrenziali e restrittive della concorrenza le misure contenute nel DDL 2079 in discussione al Senato, recante "Norme in materia di apertura di nuove parafarmacie", perché pongono limiti all'apertura di nuovi esercizi.

Secondo l'Autorità tali norme, che sospendono l'apertura di nuovi esercizi in attesa della ridefinizione della normativa relativa alla vendita dei farmaci e introducono comunque limiti numerici alle parafarmacie, pongono un vincolo strutturale restrittivo della concorrenza in mercati recentemente liberalizzati.

A parere dell'AGCM se tali misure venissero approvate ci sarebbero effetti negativi sul livello dei prezzi e sulla qualità del servizio.
La limitazione numerica delle parafarmacie in ciascun Comune, sulla base di criteri demografici, si andrebbe ad aggiungere, peraltro, alle restrizioni derivanti dalla "pianta organica" previste per le farmacie, già oggetto di precedenti segnalazioni dell'Autorità, condizionando la dinamica concorrenziale in un settore dove il numero di farmacie presenti è spesso inadeguato a soddisfare le esigenze della domanda.

L'Antitrust, nel concludere, ribadisce che la limitazione quantitativa del numero di esercizi farmaceutici sul territorio, anziché realizzare una soddisfacente distribuzione territoriale degli esercizi di vendita dei farmaci al pubblico, può tradursi in una protezione dei livelli di reddito delle farmacie già esistenti: è infatti evidente che per garantire l'universalità del servizio sarebbe necessario stabilire, semmai, un numero minimo di farmacie e non certo un numero massimo.

Galleria video

Ballarò / Liberalizzazioni (1)

Galleria foto

X Rapp. Legislazione
Nunzio Bibbò
“Noi Credevamo”
Iniziativa ADM