Galleria foto

test

Galleria foto

Accesso all'area riservata

  1. Prima registrazione

    Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Password
    Ripeti password
  2. Hai dimenticato la password?
    Scrivi qui sotto il tuo indirizzo e-mail e clicca su Invia.

NEWSLETTER :: Registrazione

  1. Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Ente/Azienda
    Telefono
  2. Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali, ANCD garantisce il rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati a carattere personale.

    I dati personali saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle attività di relazione con l'Utente registrato e non saranno ceduti a terzi.

    In ogni momento è possibile rinunciare a ricevere la Newsletter di ANCD o chiedere la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei dati personali, inviando una e-mail all'indirizzo ancd@ancd.it oppure cliccando sul link di rimozione automatica presente nelle singole comunicazioni.

22-10-2013 - Distribuzione commerciale: Sentenza del Tar Lombardia

Distribuzione commerciale: per il Tar Lombardia è illegittimo il piano regolatore che non si adegua alle misure di liberalizzazione della direttiva servizi.

Il Tar Lombardia, con sentenza n. 2271 del 10 ottobre 2013, ha ritenuto illegittimo il piano regolatore di un comune perché non conforme alle misure di liberalizzazione introdotte con la direttiva servizi 123/2006 e recepite dal D. Lgs. 59/2010.

Nel caso in oggetto, il comune aveva respinto la richiesta di autorizzazione all’ampliamento di un operatore commerciale, in quanto tale intervento non era consentito dalle vigenti disposizioni di urbanistica commerciale, che escludono l’insediamento di medie strutture di vendita con superficie superiore ai 600 metri quadrati.

Il giudice amministrativo ha rilevato che queste limitazioni non erano legate ad esigenze di ordine ambientale o urbanistico e che i vincoli presenti, essendo il frutto di valutazioni relative ad interessi di natura economica, non attinenti a profili strettamente ambientali o urbanistici, apparivano incompatibili con i principi in materia di liberalizzazione del mercato dei servizi sanciti dalla direttiva 123/2006/CE e dai provvedimenti legislativi sopra menzionati.

Per questi motivi il TAR Lombardia, nell’annullare il provvedimento di diniego nei confronti dell’operatore commerciale, ha deciso che la disposizione contenuta nelle norme tecniche di attuazione del piano di governo del territorio comunale deve ritenersi abrogata, per incompatibilità con la normativa sopravvenuta in materia di liberalizzazione del mercato dei servizi, non avendo il comune adempiuto all’obbligo di adeguare alla stessa i propri atti di pianificazione entro il termine previsto dall’art. 31 comma 2 ultimo periodo del D.L. 201 del 2011.

Galleria video

Ballarò / Liberalizzazioni (1)

Galleria foto

X Rapp. Legislazione
Nunzio Bibbò
“Noi Credevamo”
Iniziativa ADM