Galleria foto

test

Galleria foto

Accesso all'area riservata

  1. Prima registrazione

    Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Password
    Ripeti password
  2. Hai dimenticato la password?
    Scrivi qui sotto il tuo indirizzo e-mail e clicca su Invia.

NEWSLETTER :: Registrazione

  1. Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Ente/Azienda
    Telefono
  2. Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali, ANCD garantisce il rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati a carattere personale.

    I dati personali saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle attività di relazione con l'Utente registrato e non saranno ceduti a terzi.

    In ogni momento è possibile rinunciare a ricevere la Newsletter di ANCD o chiedere la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei dati personali, inviando una e-mail all'indirizzo ancd@ancd.it oppure cliccando sul link di rimozione automatica presente nelle singole comunicazioni.

08-07-2013 - L’Antitrust invita Governo e Parlamento a rimuovere i vincoli nel settore distributivo dei carburanti

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha inviato a Governo e Parlamento una segnalazione in cui si invita il legislatore a rimuovere i vincoli normativi, regionali e nazionali, che ostacolano l’ingresso di impianti più efficienti nella distribuzione dei carburanti, anche al fine di attuare un massiccio piano di ristrutturazione della rete.

A parere dell’AGCM, infatti, nel nostro Paese le condizioni generali di svolgimento del servizio determinano livelli di prezzo più elevati della media europea e standard qualitativi della rete inferiori rispetto a quelli delle principali nazioni europee (in termini d’erogato medio per impianto).

In particolare, l’Antitrust punta il dito contro la norma che limita alle sole aree extraurbane la possibilità di istituire impianti completamente automatizzati e contro le disposizioni regionali che prevedono l’introduzione di obblighi asimmetrici per l’apertura dei nuovi impianti di distribuzione, in termini di tipologia di carburanti da erogare e/o di caratteristiche che l’impianto deve necessariamente soddisfare (obbligo di Gpl e/o metano).

Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, l’AGCM sottolinea che attualmente la maggioranza delle Regioni ha introdotto tale tipologia di restrizioni e che, pure se alcune amministrazioni regionali giustificano la scelta richiamando obiettivi di tutela ambientale e di promozione dei carburanti eco-compatibili, non c’è nessun riscontro nelle norme in merito all’effettiva valutazione della loro gravosità da parte delle amministrazioni regionali.  

Galleria video

Ballarò / Liberalizzazioni (1)

Galleria foto

X Rapp. Legislazione
Nunzio Bibbò
“Noi Credevamo”
Iniziativa ADM