Galleria foto

test

Galleria foto

Accesso all'area riservata

  1. Prima registrazione

    Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Password
    Ripeti password
  2. Hai dimenticato la password?
    Scrivi qui sotto il tuo indirizzo e-mail e clicca su Invia.

NEWSLETTER :: Registrazione

  1. Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Ente/Azienda
    Telefono
  2. Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali, ANCD garantisce il rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati a carattere personale.

    I dati personali saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle attività di relazione con l'Utente registrato e non saranno ceduti a terzi.

    In ogni momento è possibile rinunciare a ricevere la Newsletter di ANCD o chiedere la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei dati personali, inviando una e-mail all'indirizzo ancd@ancd.it oppure cliccando sul link di rimozione automatica presente nelle singole comunicazioni.

13-03-2012 - Segnalazione dell´Antitrust in materia di autotrasporto

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella sua adunanza del 14 febbraio, ha emanato una importante segnalazione in materia di autotrasporto (pubblicata nel bollettino del 12 marzo) che ha provveduto ad inviare al Ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e Trasporti, al Direttore Generale per il Trasporto Stradale e l’Intermodalità presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al Presidente della Consulta generale per l’autotrasporto e la logistica e al Presidente dell’Osservatorio sulle attività di autotrasporto.

L’Antitrust,  nel premettere che intenderà  avvalersi dei poteri di impugnazione degli atti amministrativi generali,   dei   regolamenti   e dei   provvedimenti di qualsiasi amministrazione pubblica,  conferitegli dall’art. 35 del  decreto legge 201/2011 (convertito con legge 216/2011),  ribadisce le proprie posizioni in ordine alle disposizioni che hanno fissato costi minimi di esercizio.

A parere dell’AGCM si tratta di determinazioni che si pongono in aperto contrasto  con i principi in materia di tutela della concorrenza e con i principi fondamentali della disciplina comunitaria in quanto dispongono un’artificiosa fissazione di prezzi minimi che corrispondono di fatto all’introduzione di tariffe obbligatorie sull’intero territorio nazionale con significativi effetti anche rispetto al commercio tra stati membri dell’Unione Europea.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nel sottolineare che tali disposizioni proprio perché si pongono in contrasto con i principi fondamentali di tutela della concorrenza risultano disapplicabili, ha invitato le amministrazioni destinatarie della segnalazione  a prendere le misure più opportune per ripristinare corrette dinamiche concorrenziali.

Le amministrazioni hanno tempo sessanta giorni per adottare le iniziative indicate dall’AGCM. Se  la  pubblica amministrazione non si conforma nei sessanta giorni  successivi  alla comunicazione  del  parere,  l´Autorità  può  presentare ricorso,   tramite l´Avvocatura dello Stato,  entro  i  successivi  trenta giorni.

Galleria video

Ballarò / Liberalizzazioni (1)

Galleria foto

X Rapp. Legislazione
Nunzio Bibbò
“Noi Credevamo”
Iniziativa ADM