Galleria foto

test

Galleria foto

Accesso all'area riservata

  1. Prima registrazione

    Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Password
    Ripeti password
  2. Hai dimenticato la password?
    Scrivi qui sotto il tuo indirizzo e-mail e clicca su Invia.

NEWSLETTER :: Registrazione

  1. Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Ente/Azienda
    Telefono
  2. Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali, ANCD garantisce il rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati a carattere personale.

    I dati personali saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle attività di relazione con l'Utente registrato e non saranno ceduti a terzi.

    In ogni momento è possibile rinunciare a ricevere la Newsletter di ANCD o chiedere la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei dati personali, inviando una e-mail all'indirizzo ancd@ancd.it oppure cliccando sul link di rimozione automatica presente nelle singole comunicazioni.

01-06-2011 - La Conferenza Stato-Regioni boccia il DDL 863 (Gasparri - Tomassini) in materia di medicinali e di riordino dell'esercizio farmaceutico.

La Conferenza Stato-Regioni lo scorso 25 maggio ha espresso il proprio parere sul disegno di legge n.863 (Gasparri-Tommasini) recante“Disposizioni normative in materia di medicinali ad uso umano e di riordino dell’esercizio farmaceutico”. Secondo le Regioni il disegno di legge, oltre a caratterizzarsi per evidenti illegittimità costituzionali legate alla violazione del riparto di competenze tra Stato e Regioni, si segnala per gli effetti distorsivi della concorrenza che deriverebbero dall’attuazione di molte delle disposizioni in esso contenute. In particolare la Conferenza punta l’indice contro quelle misure che tenderebbero a cancellare l’esperienza intrapresa con il DL 223/2006 che ha consentito la libera vendita di OTC e SOP anche negli esercizi commerciali, favorendo il conseguimento di risultati importanti per i consumatori sia in termini di servizio che di riduzione dei prezzi. In conclusione le Regioni hanno espresso un parere non favorevole sul disegno di legge in considerazione della sua insostenibilità dal punto di vista economico, per le evidenti illegittimità costituzionali in esso contenute, per la limitazione della concorrenza che provoca un costo aggiuntivo per gli assistiti ed infine per un assetto della distribuzione delle farmacie sul territorio che non è in grado di soddisfare i bisogni delle specifiche realtà regionali. 

Galleria video

Ballarò / Liberalizzazioni (1)

Galleria foto

X Rapp. Legislazione
Nunzio Bibbò
“Noi Credevamo”
Iniziativa ADM