Galleria foto

test

Galleria foto

Accesso all'area riservata

  1. Prima registrazione

    Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Password
    Ripeti password
  2. Hai dimenticato la password?
    Scrivi qui sotto il tuo indirizzo e-mail e clicca su Invia.

NEWSLETTER :: Registrazione

  1. Nome e Cognome
    Indirizzo e-mail
    Ente/Azienda
    Telefono
  2. Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali, ANCD garantisce il rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati a carattere personale.

    I dati personali saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle attività di relazione con l'Utente registrato e non saranno ceduti a terzi.

    In ogni momento è possibile rinunciare a ricevere la Newsletter di ANCD o chiedere la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei dati personali, inviando una e-mail all'indirizzo ancd@ancd.it oppure cliccando sul link di rimozione automatica presente nelle singole comunicazioni.

03-02-2011 - Parafarmacie: ANCD contro ipotesi di blocco delle nuove aperture

 

“La proposta del Sen. Fleres (PDL) di sospendere l’apertura delle parafarmacie sino a quando non sarà approvata la riforma del sistema distributivo dei farmaci si pone in netto contrasto con le dichiarazioni del Presidente del Consiglio che ha sostenuto come sia necessario avviare una nuova fase di liberalizzazioni per dare una scossa all’economia”.  E’ quanto afferma il presidente di ANCD-Conad Camillo De Berardinis dopo che le Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio hanno dichiarato ammissibile un emendamento al ddl 2518 (milleproroghe) presentato dal Sen. Fleres (PDL) che si propone di bloccare l’apertura di nuove parafarmacie.

“Se venisse approvato questo emendamento - prosegue De Berardinis - l’unico effetto sarebbe quello di bloccare un processo di liberalizzazione che, nel corso di questi ultimi quattro anni, ha consentito l’ampliamento e il miglioramento del servizio al cittadino, determinato una significativa riduzione dei prezzi stimabile tra il 25-30% e generato nuova occupazione”.

La sola cosa di cui il Paese ha bisogno – conclude il Presidente dell’ANCD – è quella di dotarsi di regole concorrenziali che eliminino le rendite corporative e parassitarie, consentendo ai cittadini una più ampia scelta di beni e servizi a prezzi più bassi”.

 


Galleria video

Ballarò / Liberalizzazioni (1)

Galleria foto

X Rapp. Legislazione
Nunzio Bibbò
“Noi Credevamo”
Iniziativa ADM